Carrello

00,00

Benvenuti su Infoteca grondaie

Avete bisogno di maggiori informazioni? Non vi lasciamo nei guai! Qualunque domanda abbiate, facciamo del nostro meglio per proporvi la soluzione adatta. Ci sta a cuore solo che siate soddisfatti dei nostri prodotti e del nostro servizio.

Vistate semplicemente la nostra Infoteca grondaie, dove troverete tutti i dati rilevanti, a partire dalla forma del tetto e per finire con le grondaie e gli accessori.

 

 

Informazioni generali

Grondaie

Con il termine "grondaia" (detta anche gronda) si intende un canale di raccolta che raccoglie l'acqua pluviale che defluisce dalla falda del tetto e la smaltisce tramite un tubo pluviale. Si tratta di una parte del sistema di drenaggio del tetto. Di questo sistema fanno parte inoltre prodotti quali tubi pluviali, raccordi, calotte terminali, bocchettoni di scarico e curve di tubo con diversi numeri di gradi. Il sistema in sé deve essere chiuso. Si distingue tra grondaie all'esterno e all'interno. Le grondaie di plastica dispongono di resistenza all'urto, stabilità formale, precisione dimensionale, resistenza agli agenti atmosferici, resistenza UV, resistenza alla temperatura e solidità delle tinte.

Dimensionamento

Il dimensionamento della grondaia avviene in base alle indicazioni delle norme DIN EN 12056-3 e DIN 1986-100. Per ogni progetto deve essere effettuato un calcolo del flusso di acqua piovana, al fine di determinare precisamente la dimensione della grondaia. Al riguardo sono determinanti la superficie di base del tetto e l'ubicazione. Le tabelle offrono un aiuto in tal senso.

Tipi di pioggia

L'elemento decisivo per una grondaia è ovviamente la pioggia. La quantità che si presenta è importante. Le precipitazioni liquide con un diametro delle gocce di almeno mezzo millimetro sono identificate come "pioggia" ("gocce di pioggia") dalla meteorologia. Sulla base della misura delle gocce di pioggia, si distingue tra diversi tipi di pioggia, come ad esempio pioggia nebulizzata (gocce molto piccole), pioggia continua (pioggia da fronte caldo con misura delle gocce media) e rovescio (che si presenta spesso in presenza di temporali e acquazzoni). La pioggia può cadere tanto da nuvole "calde" (nubi di gocce d'acqua pure), quanto da nuvole fredde (nubi di ghiaccio pure) o da nuvole miste (nubi con goccioline d'acqua e cristalli di ghiaccio). Nel caso delle nubi fredde e miste, le gocce di pioggia sono il prodotto dello scioglimento delle particelle solide in precipitazione, come fiocchi di neve e chicchi di grandine.

Forme del tetto

I committenti della costruzione hanno una grande scelta nella selezione delle forme del tetto. Dai tetti a due falde ai tetti a padiglione o a falde tronche: le varianti sono molteplici. Qui potete leggere ciò che caratterizza le varie forme di tetto.

Tetto a due falde

Il tetto a due falde è caratteristicamente composto da due superfici del tetto, collegate reciprocamente nel punto più alto, detto linea di colmo del tetto. Il tetto a due falde è costruito quale tetto a capriata semplice o tetto ad arcarecci, ampiamente collaudato in passato. Il tetto a due falde permette la realizzazione di diverse inclinazioni del tetto, grazie alle quali è possibile utilizzare la soffitta quale locale abitabile, tenendo conto anche delle influenze atmosferiche. Sulla base delle diverse possibilità costruttive, il tetto a due falde si caratterizza per la sua resistenza alle intemperie, in ragione della quale sono necessari meno lavori di manutenzione rispetto ai tetti piani o a uno spiovente, con un ammontare conseguentemente inferiore dei costi di riparazione.

Tetto a uno spiovente

Il tetto a uno spiovente si caratterizza per la propria superficie del tetto molto inclinata, che lo fa sembrare esternamente come un "mezzo tetto a due falde". Il bordo superiore del tetto a uno spiovente rappresenta la linea di colmo del tetto. La bordatura del tetto costituisce il cornicione di gronda. Mentre il tetto a uno spiovente, fino a pochi anni fa, era usato esclusivamente per gli edifici secondari, come ad esempio garage o porticati, oggi sempre più abitazioni, soprattutto nelle nuove urbanizzazioni, presentano un tetto a uno spiovente. Per arginare gli influssi atmosferici, come vento e pioggia, la superficie del tetto è rivolta verso il lato esposto alle intemperie.

Tetto a padiglione

Mentre il tetto a due falde dispone di superfici del tetto inclinate solo sui lati di gronda, il tetto a padiglione si caratterizza per la presenza delle superfici del tetto tanto sul lato di gronda, quanto sul lato di timpano. Le superfici del tetto sui lati di timpano si definiscono padiglioni. Un padiglione completo sostituisce tuttavia il timpano, conferendo al tetto quattro piani inclinati; il tetto a padiglione deve tuttavia terminare in una linea di colmo del tetto. In caso contrario, non si tratta di un tetto a padiglione, ma di un tetto a tenda. I tetti a padiglione, che offrono una particolare protezione contro gli influssi atmosferici, si incontrano principalmente nella Germania meridionale e nelle regioni alpine. Deve essere tuttavia presa in considerazione la perdita di spazio abitabile dovuta alla presenza di quattro piani inclinati.

Tetto a falde tronche

Il tetto a falde tronche riunisce i vantaggi del tetto a padiglione e del tetto a due falde. Infatti, mentre in un tetto a padiglione le superfici del tetto hanno una lunghezza uguale sul lato di gronda e di timpano, nel tetto a falde tronche dette superfici terminano prima sul lato di timpano, riducendo al minimo la perdita di spazio abitabile. Le altre due superfici del tetto offrono allo stesso tempo la protezione dagli influssi atmosferici.

Tetto ad una falda

Il tetto ad una falda è strutturalmente uguale a un tetto a uno spiovente. Il tetto ad una falda costituisce pertanto un tetto con una superficie del tetto inclinata su un solo lato. Una differenza notevole consiste tuttavia nel fatto che il tetto ad una falda viene collegato a un tetto principale preesistente, di norma un tetto a due falde o un tetto a uno spiovente, producendo un'estensione della superficie del tetto. Il tetto ad una falda non deve presentare necessariamente la stessa inclinazione del tetto principale. Spesso l'angolo di inclinazione del tetto ad una falda viene ridotto, al fine di poter garantire un'altezza di gronda adeguata. Per quanto sia possibile la costruzione contemporanea del tetto ad una falda, quest'ultimo viene normalmente annesso al tetto principale in un momento successivo.

Abbaini

Gli abbaini offrono la soluzione finestrata ottimale per i tetti, aumentando contestualmente lo spazio abitabile. Dall'esterno, gli abbaini arricchiscono l'aspetto del tetto e ne rendono meno severa la superficie.

Le diverse forme di abbaino:

 

 

Abbaino a falda unica

L'abbaino a falda unica, che rappresenta la forma di abbaino più antica, è realizzabile con un costo contenuto. Il tetto dell'abbaino viene coperto di norma con il materiale di copertura del tetto principale. Il rettangolo sul lato frontale è caratteristico del classico abbaino a falda unica. La superficie del tetto dell'abbaino costituisce un tetto a uno spiovente. Questo presenta un angolo di inclinazione ridotto rispetto al tetto principale.

Abbaino a due spioventi

L'abbaino a due spioventi presenta due superfici del tetto, come il tetto a due falde, collegate reciprocamente sulla linea di colmo del tetto. Le superfici delle falde sono dotate del materiale di copertura del tetto principale. Le superfici laterali dell'abbaino, i cosiddetti fianchi dell'abbaino, sono di norma dotati di un materiale di copertura diverso. I fianchi dell'abbaino di un abbaino a due spioventi sono di norma piccoli e presentano una forma triangolare.

Abbaino a padiglione

L'abbaino a padiglione è strutturalmente simile all'abbaino a due spioventi. Rispetto all'abbaino a due spioventi, tuttavia, l'abbaino a padiglione ha un'ulteriore superficie del tetto triangolare sul lato frontale e dispone perciò di tre gronde. Le superfici del tetto dell'abbaino presentano normalmente lo stesso angolo di inclinazione del tetto principale. L'angolo di inclinazione delle superfici del tetto laterali può invece variare.

Abbaino trapezoidale

L'abbaino trapezoidale presenta due lati esposti, che procedono inclinati rispetto al tetto principale. Questi lati sono chiamati fianchi dell'abbaino. A seconda dell'angolo di inclinazione dei fianchi dell'abbaino, nella vista di fronte è visibile un trapezio, che dà quindi il nome all'abbaino. Alla luce del fatto che i fianchi dell'abbaino procedono inclinati, il materiale di copertura del tetto principale può essere posato sull'intero abbaino trapezoidale.

Tipo di grondaia

Grondaia semicircolare

Le grondaie semicircolari sono realizzate in PVC-U e dispongono quindi di una straordinaria stabilità formale e sono utilizzate per la raccolta delle acque superficiali prodottesi. A norma DIN 19531, questo cloruro di polivinile senza plastificante (PVC-U) è assegnato alla classe di materiali edili B1 – difficilmente infiammabile – nella norma DIN 1402, Parte 4. Dato che le grondaie semicircolari sono prodotte a norma DIN, anche il montaggio nei supporti per grondaie metallici preesistenti è possibile senza problemi. Oltre alla scelta cromatica (bianco, grigio, marrone, marrone scuro), anche la lunghezza della grondaia varia a seconda della configurazione.

Grondaia a sezione rettangolare

Le grondaie a sezione rettangolare sono realizzate in PVC-U e dispongono quindi di una straordinaria stabilità formale e sono utilizzate per la raccolta delle acque superficiali prodottesi. A norma DIN 19531, questo cloruro di polivinile senza plastificante (PVC-U) è assegnato alla classe di materiali edili B1 – difficilmente infiammabile – nella norma DIN 1402, Parte 4. Dato che le grondaie a sezione rettangolare sono prodotte a norma DIN, anche un montaggio nei supporti per grondaie metallici preesistenti è possibile senza problemi. Anche il colore della grondaia (bianco, grigio, marrone, marrone scuro) varia a seconda della configurazione.

Supporti per grondaie

I supporti per grondaie sono disponibili in diverse versioni per tutti i tipi di forma delle grondaie.

Supporti per grondaie zincati a caldo

Il supporto per grondaia ha lo scopo di sostenere la grondaia. Grazie alla zincatura a caldo, il supporto per grondaia è protetto in modo ottimale dalla corrosione ed è immune alla ruggine.

Supporti per grondaie zincati a caldo/rivestiti di plastica

Il supporto per grondaia ha lo scopo di sostenere la grondaia. Grazie alla zincatura a caldo, il supporto per grondaia è protetto in modo ottimale dalla corrosione. Il supporto per grondaia dispone inoltre di un rivestimento di plastica, che garantisce l'adeguamento estetico del supporto alla grondaia.

Supporti per grondaie di plastica da tavola sagomata posta sotto la grondaia per ornamento

Il supporto per grondaia ha lo scopo di sostenere la grondaia. Il supporto per grondaia da tavola sagomata posta sotto la grondaia per ornamento è disponibile nel colore bianco, grigio, marrone e marrone scuro.

Supporti per grondaie di plastica da tavola sagomata posta sotto la grondaia per ornamento regolabili

Il supporto per grondaia ha lo scopo di sostenere la grondaia. La grondaia ad angolo permette il cambio di direzione della grondaia a sezione rettangolare in un numero di gradi definito da 9 a 30°. Il supporto da tavola sagomata posta sotto la grondaia per ornamento è disponibile nel colore bianco, grigio, marrone e marrone scuro.

Programma di raccolta del fogliame

Basta con le grondaie e i tubi pluviali intasati dal fogliame. La rimozione del fogliame dalla grondaia costa tempo, è spesso pericolosa e deve avvenire regolarmente nel corso dell'autunno. Con il nostro programma di raccolta del fogliame, foglie e materiali estranei vengono tenuti alla larga in modo durevole. L'acqua scorre senza ostacoli, mentre il tempo perso per la pulizia e i costi associati alle riparazioni dei danni idrici sono solo un brutto ricordo.

Adesivo-primer speciale

L'adesivo-primer trasparente a presa rapida permette una connessione semplice e sicura dei pezzi di grondaia.

Strisce di raccolta del fogliame

Le strisce di raccolta del fogliame sono impiegabili per tutte le grondaie di plastica e metallo delle misure da DN 100 a DN 150. Le strisce di raccolta del fogliame sono caratterizzate dalla semplicità di montaggio: vengono innestate sul bordo della grondaia e spinte sotto la tegola. Grazie alla forma piatta, le strisce di raccolta del fogliame sono impercettibili. Il fogliame rimane appoggiato alle strisce di raccolta del fogliame, si asciuga e viene disperso dal vento. Le strisce di raccolta del fogliame sono disponibili nei colori nero, marrone e grigio.

Griglie di raccolta del fogliame

Le griglie di raccolta del fogliame liberano la grondaia dal fogliame. In questo modo, l'estenuante polizia delle gronde dal fogliame diventa un brutto ricordo. Grazie alle griglie di raccolta del fogliame è possibile allo stesso tempo evitare i danni causati, ad esempio, dalla tracimazione dell'acqua. Il fogliame rimane infatti appoggiato alle griglie di raccolta del fogliame, si asciuga e viene disperso dal vento. Le griglie si caratterizzano inoltre per il polietilene ecologico e per la semplice posa nella grondaia. La griglia non necessita di nessun fissaggio supplementare, dato che viene trattenuta dalla parete esterna della gronda e dalle tegole. Solo in caso di mancanza della sporgenza delle tegole è necessario che le griglie di raccolta del fogliame siano fissate a intervalli di 1 m. Per un deflusso ottimale dal foro di scarico è possibile tagliare senza problemi il materiale. Grazie alla resistenza alle intemperie, è possibile un impiego duraturo e permanente delle griglie di raccolta del fogliame. Le griglie di raccolta del fogliame sono disponibili in due misure.

Cestelli di raccolta del fogliame

I cestelli di raccolta del fogliame proteggono il tubo pluviale dal fogliame prodottosi. Il cestello di raccolta del fogliame viene installato in un punto facilmente accessibile nel tubo. In questo modo, l'acqua piovana può defluire come sempre, mentre il fogliame si raccoglie nel cestello. Lo svuotamento del cestello di raccolta del fogliame avviene a partire dalla base. Il cestello di raccolta del fogliame è disponibile nel colore grigio con un diametro DN 75 o DN 85/100.

Spazzole per grondaie

Le spazzole per grondaie proteggono tutte le grondaie di plastica e metallo dall'intasamento causato dal fogliame. Il montaggio delle spazzole per grondaie non è necessario, in quanto queste ultime vengono semplicemente posate nella gronda. Per poter garantire una protezione ottimale della gronda e un deflusso libero dell'acqua, la spazzola per grondaie deve essere posata nell'intera grondaia. La spazzola per grondaie è disponibile nel colore nero.

Lamiere per tetto

Le nostre lamiere per tetto garantiscono un tetto resistente al vento e alle intemperie di qualità artigianale. Che si tratti di bordo di testa, gronda, compluvio o sospensione delle grondaie – abbiamo la lamiera adatta ai vostri spigoli e ai vostri angoli. Approfittate subito della nostra qualità e delle nostre prestazioni. Non troverete da nessun'altra parte un assortimento più grande di lamiere per il tetto.

Lamiera di colmo

La lamiera di colmo serve quale lamiera di passaggio sul colmo di un tetto. È perfetta per le assicelle di copertura bitumate, i fogli impermeabilizzanti e le coperture di ardesia. La lamiera di colmo protegge dagli influssi atmosferici e garantisce che l'acqua non possa penetrare nella copertura.

Barra di copertura

La barra di copertura garantisce delle transizioni impeccabili tra componenti orizzontali e verticali. Ha lo scopo di coprire le lamiere angolari e permette, ad esempio, di circondare una foglio impermeabilizzante. In questo modo, l'edificio è protetto al meglio dalla penetrazione dell'acqua.

Lamiera di compluvio

La lamiera di compluvio ha lo scopo di garantire un deflusso sicuro dell'acqua nel compluvio del tetto. Sul compluvio si incontrano due superfici del tetto inclinate, che formano un angolo interno nel tetto. Questo fa sì che nel compluvio si accumulino grandi quantità d'acqua, che devono quindi essere drenate. La lamiera di compluvio protegge il compluvio del tetto e fa defluire l'acqua nella grondaia. Grazie alle possibilità d'impiego universali, la lamiera di compluvio è adatta a diverse coperture del tetto e inclinazioni del tetto.

Lamiera per bordo di testa

La lamiera per bordo di testa senza piega per l'acqua è adatta per una sigillatura a regola d'arte e un passaggio pulito al bordo di testa di un tetto piano. Garantisce un deflusso ottimale dell'acqua sulle superfici del tetto e offre la miglior protezione possibile dalla penetrazione dell'acqua. La lamiera per bordo di testa impiegabile universalmente è adatta a diversi fogli impermeabilizzanti.

La lamiera per bordo di testa con piega per l'acqua è adatta per una sigillatura a regola d'arte e un passaggio pulito al bordo di testa di un tetto inclinato. La piega per l'acqua impedisce il deflusso dell'acqua turbinosa, trattenendola con un ulteriore bordo. La lamiera per bordo di testa con piega per l'acqua è particolarmente consigliata in presenza di una copertura del tetto senza sottomanto. La lamiera per bordo di testa è impiegabile per diverse inclinazioni del tetto e diverse coperture del tetto.

Sospensione delle grondaie

La sospensione delle grondaie funge da lamiera di passaggio dalla superficie del tetto alla grondaia lungo la gronda e garantisce un deflusso ottimale dell'acqua. La sospensione della grondaia è adatta a diverse coperture del tetto e inclinazioni del tetto.

Strisce di gronda

Le strisce di gronda fungono da lamiera di passaggio dalla superficie del tetto alla grondaia lungo la gronda. Le strisce di gronda offrono protezione dalla penetrazione dell'acqua e garantiscono un deflusso controllato dell'acqua piovana. La strisce di gronda impiegabili universalmente sono adatte a diverse coperture del tetto e inclinazioni del tetto.